Risparmiare sulla telefonia mobile

,
sim aziendali

 

Tra i servizi di telefonia business che oggi mettono “meno” in ansia un Professionista o un piccolo Imprenditore, c’è di sicuro la telefonia mobile in primissima posizione.

Si tratta di una materia che, per diletto o per necessità, chiunque di noi si è trovato a dover gestire o modificare almeno una volta nella vita.

Anche per chi non ne avesse le dirette competenze minime, comunque annovera tra le proprie conoscenze qualche amico/parente/collega che di sicuro dichiara di intendersene.

Dichiara di saperne o ne è veramente esperto?

 

Si tratta inoltre di una di quelle scelte che quando deve essere affrontata, non presenta nemmeno il rischio di strascichi di particolare rilevanza.

Eccezion fatta in caso di acquisto o noleggio di smartphone legato alla propria promozione o al proprio abbonamento.

In questa eventualità, i rischi da soppesare in caso di un cambio di contratto, sono sicuramente maggiori.

E’ quindi una di quelle decisioni che, quando si presenta la necessità di intavolarla, non mette più la stessa ansia di solo qualche anno fa.

Oggi ci sono compagnie e profili tariffari di ogni tipo, ne esistono per ogni gusto e per ogni tasca.

Si possono dire estinti anche quei rischi di disservizio durante la fase di portabilità del proprio numero telefonico.

Tipici e piuttosto frequenti anche soltanto pochi anni fa, e che erano sicuramente fonte di grandi ansie quando a dover passare da un Operatore all’altro, magari c’erano quantità importanti di sim aziendali.

 

Oggi la portabilità del numero telefonico solo in casi rarissimi genera disservizi

perchè è una procedura regolamentata!

 

Quindi, se in tendi effettuare un cambio Operatore di telefonia mobile, non dovresti avere problemi particolari.

Se il tuo obbiettivo è quello di dare un taglio netto ai costi aziendali legati alle sim che hai sul groppone, non fallirai di certo.

MA COME SI RIESCE A RISPARMIARE SULLA TELEFONIA MOBILE?

 

Sebbene dalla premessa possa sembrare un’operazione da potercisi permettere di compiere a “guardia bassa”, ci sono degli aspetti che vanno presi seriamente in considerazione prima di sottoscrivere un’offerta.

Almeno per ciò che riguarda i costi di alcune opzioni, altrimenti, il costo che si crederà di dover sostenere mensilmente rischia di rivelarsi solo una piccola porzione del reale costo finale.

 

ESTERO

 

La normativa Europea, che ha introdotto la logica di Roam Like at Home (RLAH) entrata in vigore nell’estate del 2017, ha sì reso più accettabile il costo da sostenere per chi frequenta gli Stati della Comunità Europea, ma è stata generalmente mal compresa dagli Utenti.

Spesso, assolutamente in modo intenzionale, decisamente mal spiegata dagli addetti ai lavori.

Crediamo quindi che sia giunto il momento di mettere alcuni doverosi “puntini sulle “i”, in modo che gli Utenti possano realmente scegliere con la certezza di aver finalmente “DECISO” e non soltanto “ABBOCCATO”.

La normativa ha specificato che i costi per l’uso di telefonate, sms e internet che gli Operatori possono applicare a quel dato Utente che si reca in uno Stato estero, non possono più essere oggetto di decisioni commerciali arbitrarie interne all’Operatore stesso.

I costi devono rispettare una tabella riportante prezzi massimi applicabili che sono univoci per tutti gli Operatori di telefonia europei.

Questo significa che, se oggi vai ad analizzare in profondità le condizioni delle offerte dei vari Operatori, potrai vederti proporre diverse formule ma in nessun caso, il costo definitivo che ti verrà applicato potrà essere superiore a quello definito dalla Commissione Europea.

Potrai quindi trovare chi ti concede una quantità mensile di giga da poter utilizzare indistintamente in Italia come nel resto dell’Europa.

Chi invece ti dirà che dei giga mensili inclusi, solo una parte sono validi in roaming.

Oppure chi ti applicherà una tariffa per ciascun giga utilizzato oltre confine ma, ad ogni modo, il costo unitario di questi giga, dovrà essere coerente con la normativa “RLAH”.

 

DOVE STA LA TRAPPOLA

 

Quasi nessuno degli Utenti è a conoscenza del fatto che, seppur di “estero” si stia parlando, una cosa è il ROAMING e tutt’altra è il TRAFFICO INTERNAZIONALE.

Non sono assolutamente due sinonimi.

La normativa ha regolamentato la prima, ma non la seconda questione.

Quando sei fisicamente all’estero e dal display del tuo smartphone scompare il nome del tuo Operatore ed appare il nome dell’Operatore del Paese in cui ti trovi, sei entrato in roaming (si potrebbe dire, “in prestito” sulla rete di un altro Operatore).

Questa è  la casistica che viene protetta dalla normativa europea, e quindi valgono tutte le logiche del RLAH.

Se invece ti trovi in Italia, agganciato al tuo Operatore, ed effettui per una telefonata ad un numero francese, quello che fai è TRAFFICO INTERNAZIONALE e stai pur certo che non prevede alcun tipo di tutela comunitaria.

Questo non significa necessariamente che il prossimo mese ti vedrai arrivare una fattura mostruosa per quella telefonata internazionale!

Devi però comprendere che, malgrado le tariffe “all inclusive” oggi disponibili sul mercato presentino prezzi molto più economici rispetto al passato, gli Operatori stanno adottando filosofie commerciali a volte poco trasparenti.

Il principio con il quale ti consiglio di famigliarizzare sin d’ora … la lampadina che vorrei si accendesse subito nella tua mente … è che, al netto dei minuti e giga mensili che ti verranno offerti (quelli te li danno tutti, te li danno sempre e sarà molto semplice valutarne l’adeguatezza per le tue necessità),

TUTTO IL RESTO NON E’ OVVIO!

 

Ascolto della segreteria

sms

messaggio di avviso di essere stato cercato

traffico internazionale

utilizzo dei dati in tethering (hot spot)

sono tutti servizi che oggi gli Operatori potrebbero tendere a farti pagare a parte.

 

Il principio di oggi è:

Vuoi telefonare e navigare a basso prezzo?

Ok lo farai a basso prezzo ma… non fare altro che non sia telefonare e navigare a casa tua perchè per il resto forse ti bastono!

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.